Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Babbo Natale? No, Google

DOPO AVER COMPRATO per 100 milioni di dollari (che non sono proprio pochissimi) la promettente azienda Feedburner, che ha sviluppato una tecnologia per la valutazione di tutto quel che riguarda i feed Rss – diventata peraltro popolare anche dalle nostre parti – adesso Google ne ha completamente smantellato il modello di business. Vale a dire, la mette gratuitamente a disposizione degli utenti anche per le parti “evolute” e riservate al pubblico pagante. Stessa cosa aveva fatto con Keyhole – oggi Google Earth -, con Urchin – oggi Google Analytics -, con Picasa, con SketchUp e forse qualche altro di cui ho perso il conto.

Perché? Perché anche Gmail e gli altri servizi di Google, in beta o definitivi che siano GoogleNews compreso sono gratuiti? Quanta parte del Web 2.0 dipende da questi esempi di servizio e – in più – dallo sviluppo sempre gratuito del framework Ajax? Risposta: Google vende pubblicità e quindi il business è questo, si tratta praticamente di attrarre gli “occhi” (eyeballs) per creare un’audience omogenea e numerosa alla quale propinare la pubblicità.

Semplice, no? Nel processo, visto che la piattaforma di advertising di Google è stra-completa, si ammazzano i media center e le strutture convenzionali di creatività pubblicitaria. In un Mercato 2.0, questo vuol dire che chi non si attrezza per sopravvivere, semplicemente si estingue. Più grosso è, più rumore fa quando verrà giù…